PROJET EN PARTENARIAT AVEC L'EFR POUR LA PÉRIODE 2022-2026

ARCHEOLOGIA E AMBIENTE DELLE "ISOLE DI STORIA" DEL TIRRENO: IL CASO DI ISCHIA

Ricerche multidisciplinari per la ricostruzione delle risorse e dei networks mediterranei nel corso dei secoli

 

Responsabile e coordinatore scientifico:

Prof.ssa Gloria Olcese, Università degli Studi di Milano

Collaborazioni istituzionali:

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli (T. E. Cinquantaquattro, M. L. Tardugno),

Soprintendenza Nazionale per il Patrimonio Culturale Subacqueo (B. Davidde),

Regione Campania (L. Monti, R. Toccaceli),

Università degli Studi di Milano (O. Failla, G. De Lorenzis, A. Scienza, I. Vagge, L. Trombino),

Museo Archeologico L. Bernabò Brea di Lipari (R. Vilardo, M. C. Martinelli),

Centre Camille Jullian (E. Botte).

 

Locandina: download

 

Il progetto ha l’obiettivo di ricostruire il ruolo storico, ambientale ed economico delle isole del Golfo di Napoli nel corso dei secoli, attraverso il caso di Ischia, combinando archeologia, storia, scienze ambientali e scienze marine, anche per definire gli interventi di antropizzazione degli spazi costieri e insulari.

Oggetto delle ricerche sono gli aspetti geo-archeologici, la paleogeografia delle aree marine costiere, il paesaggio agrario (vite e vino), ambientale e vulcanico (acque, metalli, argille e allume), e le dinamiche produttive e commerciali grazie allo studio archeologico e archeometrico della ceramica e dei carichi dei relitti.

Per la prima volta si cercherà di realizzare un lavoro multidisciplinare di sintesi che sfrutti pienamente il potenziale informativo dell’isola e delle sue molteplici risorse nel corso dei secoli, in relazione all'ambiente (anche marino) e alle modalità di occupazione e sfruttamento di alcune aree.
Ulteriore finalità è indagare il rapporto di Ischia con il mare, gli antichi networks commerciali che hanno interessato l'isola, attraverso la testimonianza dei principali relitti del Golfo di Napoli e delle Isole Eolie.
Le ricerche sono rese possibili da specialisti di diversa formazione e dall’esperienza maturata nell’ambito del progetto Immensa Aequora, legato al tema del mare e dei commerci antichi.