LAUREA TRIENNALE

METODOLOGIE DELLA RICERCA ARCHEOLOGICA E DELLA STORIA DELL'ARTE

Metodologie della ricerca archeologica (SSD L-ANT/10)

(48 ore, 6 CFU, secondo semestre) - A.A. 2020/2021

Prof.ssa Gloria Olcese (gloria.olcese@unimi.it)

Università degli Studi di Milano

Insegnamento per:
Scienze e tecnologie per lo studio e la conservazione dei beni culturali e dei supporti della informazione (Classe L-43) - immatricolati dall'a.a. 2011/2012

Obiettivi formativi: far conoscere le attività della ricerca archeologica sul campo, con particolare di riferimento alle moderne metodologie di indagine relative allo scavo, alla ricognizione archeologica, allo studio della produzione antica. Attenzione viene riservata anche all'archeologia subacquea e ai carichi dei relitti del Mediterraneo, il cui studio consente di ricostruire la storia dei commerci antichi.

Risultati apprendimento attesi: le lezioni hanno lo scopo di introdurre lo studente alle attività pratiche e all'utilizzo di strumenti di documentazione dei dati archeologici, alla loro rielaborazione ed interpretazione, in tal modo gli studenti apprenderanno ad affrontare lo studio di contesti archeologici e a classificarne reperti con i metodi dell'archeologia e dell'archeometria.

Programma: il modulo si propone di illustrare come l'archeologo - di terra e subacqueo - opera sul campo e in laboratorio, dando spazio alle moderne metodologie scientifiche.
Le metodologie di intervento sono fondamentali per il lavoro dell'archeologo; stimolano la riflessione teorica e contribuiscono a dare una visione completa delle finalità, dei metodi, delle tecniche e degli strumenti della ricerca archeologica che comprende oggi molti settori di indagine.
Le lezioni sono articolate in base alle domande che si pone l'archeologo nella ricerca sul campo e in laboratorio. Comprendono la ricognizione, lo scavo stratigrafico, che occupa una parte centrale dell'indagine archeologica anche subacquea, lo studio dei reperti e il trattamento dei dati.
Una parte delle lezioni è dedicata alla presentazione dei metodi archeometrici di laboratorio per la ricerca sul campo e, in particolare, agli studi di determinazione di origine delle ceramiche, indispensabili per la ricostruzione dei commerci antichi, e per l'individuazione dei contenuti dei recipienti.
Le numerose attività di indagine del docente, in corso in diversi contesti dell'Italia centro meridionale e che prevedono anche lo studio di carichi di relitti antichi, in collaborazione con Musei e Soprintendenze, costituiscono esempi diretti della ricerca archeologica sul campo.
Se il numero dei frequentanti lo consentirà, alcune lezioni pratiche saranno dedicate allo studio dei reperti archeologici, in particolare ceramici, che gli studenti potranno imparare a classificare.
Al corso è collegato lo scavo archeologico e della villa repubblicana/imperiale di Dragoncello - Acilia, area di Ostia Antica, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica di Roma.

Metodi didattici: lezioni frontali con ausilio di presentazioni PowerPoint.
Sono previste lezione pratiche sui reperti antichi (descrizione e classificazione di oggetti).

Materiale di riferimento:

STUDENTI FREQUENTANTI

1) C. Renfrew, P. Bahn, Archeologia: Teorie, Metodi, Pratica, Zanichelli Editori, Bologna 2006 (in particolare, i capitoli: 1, 2, 3, 4, 8 e 9).

2) Dizionario di Archeologia, (a cura di R. Francovich e D. Manacorda), Editori Laterza, Roma-Bari 2000

in particolare, le voci: Archeometria; Campionatura; Commercio (Archeologia del); Contesto; Cronologia; Cultura Materiale; Datazione; Determinazione d'origine; Diagnostica archeologica; Etnoarcheologia; Geoarcheologia; New Archaeology; Produzione (Archeologia della); Post-processuale (Archeologia); Ricognizione archeologica; Scavo archeologico; Scavo, pratica e documentazione; Seriazione; Sperimentale (archeologia); Subacquea (archeologia); Tecnologie produttive; Urbana (archeologia).

3) Uno a scelta tra:

- A. Guidi, I metodi della ricerca archeologica, Roma 2005 (in particolare, i capitoli 3 e 4)

oppure

- E. C. Harris, Principi di stratigrafia archeologica, Roma 1995 (le parti 1, 2, 3, 4, 5, 6, 9, 10 - da confermare - e le Appendici del volume).

4) R. Petriaggi, B. Davidde, Archeologia sott’acqua. Teoria e pratica, Roma 2007 (capitoli 1, 2, 6 e 7).

STUDENTI CHE NON HANNO FREQUENTATO O HANNO PERSO PIÙ LEZIONI

Per chi ha perso più di 3 lezioni o non ha frequentato del tutto è prevista l'integrazione del programma con:

- Istituto della Enciclopedia Italiana (a cura di), Il mondo dell’archeologia: Storia, metodi, protagonisti, Roma 2002

in particolare, i capitoli: L’indagine sul campo (pp. 149-222); Le datazioni (pp. 266-292); Metodi matematici e statistici (pp. 310-326).

+

un volume a scelta tra:

- G. P. Brogiolo, Archeologia dell’edilizia storica, Como 1988.

- T. Mannoni, E. Giannichedda, Archeologia della produzione, Torino 1996.

- E. Giannichedda, Archeologia teorica, Roma 2002.

- M. Vidale, Che cos’è l’etnoarcheologia, Roma 2004.

- M. Jones, Cacciatori di molecole. L’archeologia alla ricerca del DNA antico, Roma 2005.

- P. E. McGovern, L’archeologo e l’uva, Roma 2005.

- S. Settis, Paesaggio, Costituzione, Cemento, Milano 2010.

- F. Cambi, Manuale di archeologia dei paesaggi, Roma 2011.

- E. Farinetti, I paesaggi in archeologia: analisi e interpretazione, Roma 2012.

PER CHI NON HA FREQUENTATO O HA PERSO PIÙ LEZIONI DEI SEMINARI PRATICI SULLA CERAMICA

1) D. Peacock, Pottery In The Roman World: An Ethnoarchaeological Approach, London 1982.

Due capitoli a scelta.

Consultabile al link: https://is.muni.cz/el/1421/jaro2016/AEB_31/um/PEACOCK_1982.pdf

2) N. Cuomo di Caprio, Ceramica in archeologia 2: antiche tecniche di lavorazione e moderni metodi di indagine, Roma 2006.

Il capitolo 1 - Dall'argilla al reperto e dal reperto all'argilla, pp. 29-39.

Consultabile al link: https://books.google.it/books?id=hG6xA8nO5scC&printsec=frontcover&hl=it#v=onepage&q&f=false

PER CHI NON HA FREQUENTATO O HA PERSO PIÙ LEZIONI DELLE ESERCITAZIONI PRATICHE

Trovate di seguito le integrazioni dovute, a seconda della lezione a cui siete stati assenti.

Gli studenti che volessero sostenere l’esame pur avendo perso più di 2 lezioni o non avendo partecipato del tutto a tali esercitazioni sono invitati a contattare la docente via e-mail (gloria.olcese@unimi.it).

- Lezioni 1 (La cronologia) e 2 (Le epoche storiche)
Recupero concetti (cronologia, linea del tempo, a.C.-d.C., principali civiltà dell'Antichità) da manuale di storia delle Superiori.
+ Compilazione dei relativi moduli disponibili ai link https://forms.gle/koUDrppTMdSvGoDh6 e https://forms.gle/HikzkDc2qAQChVGEA

- Lezione 3 (Ostia e la villa di Dragoncello)
G. Olcese, A. Pellegrino, X. Gonzalez Muro, A. Razza, D.M. Surace, La villa A di Dragoncello (Acilia). Alcuni dati dello scavo e dallo studio dei reperti, in MEFRA, 130-2, 2018, pp. 325-340.
+ Filmato “lezione scavo archeologico Dragoncello – Ostia” caricato nella sezione lezioni di Ariel
+ Compilazione del relativo modulo disponibile al link https://forms.gle/CZwsmWz2fhYonYHNA

- Lezione 4 (Ricognizione, prospezioni e Archeologia Subacquea)
Un contributo a scelta tra:
1) Istituto della Enciclopedia Italiana (a cura di), Il mondo dell’archeologia: Storia, metodi, protagonisti, Roma 2002. (In particolare, il capitolo: L’indagine sul campo, pp. 149-222);
Oppure
2) E. Tortorici, Lo scavo subacqueo, in G. Volpe (a cura di), Archeologia subacquea - Come opera l’archeologo sott’acqua, Firenze 1998, pp. 29-62;
Oppure
3) C. Beltrame, Archeologia marittima del Mediterraneo. Navi, merci e porti dell’antichità all’età moderna, Carocci 2012. (In particolare, i capitoli 1, 2 e 3).
+ Compilazione del relativo modulo disponibile al link https://forms.gle/dq8Ze9JhD4jGRbE46

Modalità di verifica dell’apprendimento e criteri di valutazione: prova orale (valutazione in trentesimi), preceduta da una prova in itinere scritta.

Date di esame: 22/06/2021, 07/07/2021, 03/09/2021, 05/10/2021.

Lezioni: lunedì (ore 16.30-18.30), mercoledì (ore 16.30-18.30), venerdì (ore 15.30-18.30). Inizio 8 marzo 2021. Le lezioni saranno svolte in modalità telematica (MSTeams).

Didattica fase emergenziale: se l'emergenza sanitaria dovesse continuare, le lezioni di Metodologia della Ricerca Archeologica saranno svolte in modalità telematica. Gli studenti troveranno le informazioni relative a lezioni, eventuali cambiamenti del programma e della bibliografia su questo sito e sul sito Ariel. Se le condizioni lo richiederanno, anche l'esame si svolgerà in forma telematica.